SCUBA RAW

a blog about wet pixels



Dec
05
2011

Birth of a Calendar

Forse non tutti lo sanno ma il processo di stampa di un calendario fotografico è un processo molto interessante. Nonostante questo necessiti di notevoli macchinari, sia per quanto riguarda le dimensioni sia per le prestazioni di stampa, un ottimo risultato è anche frutto di una buona ed esperta dose di esperienza professionale dei tecnici della tipografia.

Ho avuto modo di poter seguire tutto il processo di stampa dell calendario 2012 presso la Tipografica Monti di Saronno e ho ritenuto interessante condividere con voi questa esperienza.

 

La prima cosa che colpisce sono le dimesnioni del macchinario di stampa e il percorso che il foglio di carta, lungo 1 metro, fa tra i suoi rulli.

Il macchinario di questa tipografia ha 6 “moduli” di stampa ma mi hanno detto che ogni impianto è modulabile sulle esigenze della tipografia e quindi, volendo, si possono realizzare impianti anche a più di 10 moduli.
 

Un vista di insieme del macchinario e della console di controllo.

 

Il percorso del mio calendario, il cui colore di base del foglio è il nero, iniza con una prima passaggio nel macchinario del foglio di carta che in origine è bianco. In quasta prima fase viene quindi data la colorazione nera di contorno.

 

Si imposta la quantità di ogni colore guardando quanta ne richiederà la lastra.

 

Poi quando sui fogli, si parla di quasi più di 500 copie per avere un calendario finito di 150 pezzi, è stato dato il nero e il foglio si è ben asciugato, si procede con il successivo passaggio di stampa dove si darà colore alle foto e ai testi.

 

Per ogni colore, e in verticale, si corregge la quantità che verrà data al foglio.

 

Ogni volte che viene avviata la stampa il macchinario necessita di diverse stampe. Innanzitutto per raggiungere il corretto regime di stampa e al contempo per assestarsi, ovvero per fare in modo che ogni modulo dia la nuova quantità di colore al foglio.

 

I 6 moduli in serie del macchinario.

Qui vediamo la “testa” di un modulo. In questo caso caricato con il giallo.

 

Leave a Reply

Powered by WordPress